Riassicurazione
Famiglia di Prodotto
Famiglia di Prodotto
A proposito di AXA XL

di

Product Leader, Fine Art, Specie & Private Clients - APAC & Europe

In questa intervista, Hans Laenen, Product Leader Fine Art, Specie & Private Clients APAC & Europe, che opera da Amsterdam, parla di come la pandemia da COVID-19 ha influenzato le tendenze nel mondo dell'arte e del perché la conoscenza del mercato locale è la chiave per comprendere i rischi specialty

Hans, puoi parlarci del tuo ruolo e della tipologia di rischi che vengono sottoscritti dal tuo team?

Sono a capo di un team di esperti nei rischi Fine Art & Specie e della clientela private. In Europa e nella regione APAC abbiamo specialisti in Benelux, Germania, Svizzera, Francia, Italia, Spagna, Singapore, Hong Kong, Australia e Malesia. Sottoscriviamo un'ampia varietà di prodotti, quali, ad esempio, coperture per musei, gallerie e collezioni private o corporate. Offriamo anche soluzioni per l'industria dell'orologeria e della gioielleria (produttori, dettaglianti e grossisti), cash-in-transit e oggetti di valore durante il trasporto.

Desideriamo concentrarci su quella tipologia di rischi dove possiamo davvero aggiungere valore per i nostri clienti. Per esempio, i nostri team dedicati al mondo dell’arte hanno una profonda esperienza di storia dell'arte, oltre alla comprensione delle tendenze attuali nella produzione, acquisto e vendita di opere d'arte. Questa è un'area in cui la nostra esperienza differenzia la nostra offerta.

Guardando al mondo del Fine Art, quali sono le maggiori tendenze nell'attuale scenario e come il trasferimento del rischio può giocare un ruolo?

Negli ultimi mesi c'è stata un'accelerazione nella tendenza a comprare e vendere arte alle aste online. Questo era un trend che stavamo osservando già prima della pandemia globale di COVID-19, ma è aumentato notevolmente nell'ultimo anno.

Con le restrizioni al movimento delle persone, le aste online sono diventate il modo più sicuro e pratico per comprare e vendere arte. Le principali case d'asta hanno investito in infrastrutture online per facilitare le aste virtuali e questa è una tendenza che ci aspettiamo continui anche quando le attuali restrizioni di viaggio saranno eliminate. Naturalmente torneranno anche le aste tradizionali, in presenza.

I nostri sottoscrittori sono in grado di lavorare con i nostri team esperti di rischio Cyber al fine di comprendere la complessità delle opere acquistate e vendute online ed aiutare i nostri clienti a gestire e trasferire tali rischi potenziali.

Sebbene si possa pensare che il passaggio alle aste online riduca il rischio, non è necessariamente così. L'arte può essere meno esposta a danni fisici nelle aste online perché ci sono meno opportunità per le persone di maneggiare o toccare le opere, il che riduce un po' il rischio di danni, ma le condizioni in cui è tenuta ed esposta - la luce o l'umidità, per esempio - rimangono estremamente importanti. Questo è il motivo per cui i nostri esperti lavorano con vari collezionisti per aiutare a garantire che le opere d'arte siano protette indipendentemente dal fatto che l'asta sia di persona o online.

Un'altra tendenza a cui stiamo assistendo è un crescente interesse per l'arte digitale in cui i collezionisti investono utilizzando token non fungibili (o NFT). Ci sono sempre state tendenze innovative nel mondo dell'arte e questa mira a rendere l'arte accessibile a più persone. Si tratta di un’evoluzione che i nostri esperti stanno seguendo con interesse.

La pandemia da COVID-19 ha avuto impatti sui rischi per le collezioni d'arte e sui loro proprietari?

Le richieste di risarcimento sono rimaste piuttosto stabili nel corso della pandemia. I curatori delle collezioni sono molto attenti ai rischi e prendono le misure necessarie per proteggere le opere d'arte - è il loro istinto naturale.

In alcuni Paesi, le gallerie d'arte sono state aperte, o parzialmente aperte, al pubblico con misure di allontanamento sociale durante la pandemia, mentre, in altri, le gallerie e le collezioni sono rimaste chiuse. Ci siamo tenuti aggiornati su questi sviluppi e abbiamo comunicato con i nostri clienti in tutta la Regione per capire come le collezioni venivano esposte, conservate o trasportate per aiutarli a gestire al meglio i rischi.

Man mano che musei, gallerie e collezioni cercheranno di riaprire nel corso dei prossimi mesi, lo faranno consapevoli della necessità di attuare misure di sicurezza - sia dal punto di vista della salute e del benessere dei visitatori che della protezione delle opere d'arte dai danni. I nostri sottoscrittori continueranno a lavorare con i clienti in questo sforzo.

Perché l’expertise a livello locale è così importante nella sottoscrizione dei rischi connessi al mondo dell’arte?

Non è necessario menzionare l'incredibile patrimonio artistico dell'Italia e l'impareggiabile tradizione che copre ogni periodo e tipo di arte, dai dipinti alla scultura e all'architettura. 

Comprendere la cultura locale, il contesto e le infrastrutture ed avere esperti sul campo significa che possiamo supportare meglio i nostri clienti nella gestione dei loro rischi, che si tratti di collezioni permanenti, mostre temporanee, gallerie o collezioni private indipendenti grandi o piccole, ovunque l'opera sia esposta, conservata o trasportata.

Il mio team di specialisti lavora con i nostri clienti in tutta Europa e APAC per costruire relazioni e comprendere le sfide e le opportunità che devono affrontare al fine di soddisfare le tendenze globali e locali del mondo dell'arte.

Oltre a sottoscrivere i rischi del mondo dell’arte, siamo partner di eventi, come le fiere d'arte (da Art Basel a TEFAF)  e, mentre cominciamo ad uscire dalla pandemia  COVID-19, non vediamo l'ora di partecipare nuovamente a questi eventi dove la grandi opere dl’arte potranno essere fruibili per tutti.

compilare il form sottostante per mettersi in contatto con l’autore dell’articolo

Il tuo nome
Il tuo cognome
Seleziona il tuo paese
Indirizzo email
Invalid Captcha
 
Iscriviti

More Articles

Quick Links