Riassicurazione
Famiglia di Prodotto
Famiglia di Prodotto
A proposito di AXA XL

di

Chief Underwriting Officer Property, Construction ed Energy, APAC & Europe, di AXA XL

Il mercato assicurativo europeo del Property si sta preparando per la stagione dei rinnovi. Laurent Richème, Chief Underwriting Officer  Property, Construction ed Energy, APAC & Europe, di AXA XL, discute delle attuali tendenze del mercato e di come sta cambiando il ruolo del sottoscrittore. 

Mentre ci avviciniamo alla stagione dei rinnovi delle coperture Property in Europa, alcune tendenze sono chiare. Dopo una serie di perdite dovute a catastrofi naturali nel corso dell'anno, gli acquirenti di coperture Property possono aspettarsi che il mercato rimanga difficile per il momento.

Le catastrofi naturali verificatesi nel 2021 - inondazioni in Europa, cicloni e gelo negli Stati Uniti, incendi boschivi, ecc. - si aggiungono alla lunga lista di grandi eventi recenti che hanno visto il 2017, 2018 ed il 2020 essere tra i cinque anni più costosi degli ultimi due decenni per gli operatori del ramo Property nei settori sia pubblico che privato.

Questi eventi, uniti alle tensioni sulla supply chain, all'instabilità sociale in varie parti del mondo ed ai bassi tassi d'interesse sui mercati finanziari, significano che la soglia di redditività per le compagnie di assicurazione che operano nel ramo Property è più alta di quanto non fosse alla fine dell'ultimo faticoso ciclo di mercato nel 2004.

E questo avrà un impatto sull’entità dei premi che i clienti possono aspettarsi di pagare, e sui termini e le condizioni per le loro coperture Property, specialmente per quelle più sensibili, come i rischi naturali e la contingent business interruption. 
In questo contesto di mercato, e anche se non si tratta necessariamente di una nuova tendenza, la quantità e la qualità dei dati che i clienti sono in grado di condividere sulla loro esposizione è fondamentale in quanto consente ai sottoscrittori di sviluppare soluzioni che si allineano più strettamente ai rischi sottostanti, con tassi, termini e condizioni il più possibile allineati a tali rischi.

Le parole come i numeri

Gli addetti ai lavori del settore si sono spesso posti la domanda: la sottoscrizione è un'arte o una scienza? Sicuramente con l'aumento della quantità e della qualità dei dati a nostra disposizione, la capacità di comprendere tali dati è diventata un'abilità di sottoscrizione sempre più importante.

Ma la sottoscrizione non è solo un gioco di numeri. Si tratta anche di parole. I sottoscrittori devono essere in grado di analizzare le trattative, per trovare il modo di garantire che ciò che è offerto nelle coperture rifletta accuratamente le esigenze di tutte le Parti coinvolte.

Al momento del sinistro, la cosa più importante per un cliente -e anche per il suo assicuratore, è il testo di polizza e ciò che è – o non è – coperto. La crisi scatenata dal COVID-19 ha ricordato a tutti questi aspetti.

Il futuro 

L’utilizzo sempre maggiore di dati sta cambiando le competenze necessarie agli assicuratori e il modo in cui lavoriamo. Ma questo non è nulla in confronto ai progressi all'orizzonte.

Un uso crescente della tecnologia - come le immagini satellitari e l'Internet delle cose - cambierà ulteriormente il ruolo del sottoscrittore. Tutto questo libererà i sottoscrittori da compiti a basso valore aggiunto, consentendo loro di svolgere attività a più alto valore aggiunto. I sottoscrittori dovranno essere abili non solo nell'analisi dei dati ricavati tramite il progresso tecnologico, ma anche nella capacità di comunicare chiaramente le soluzioni che propongono ai clienti ed i criteri di base che le influenzano.

In futuro, la selezione dei rischi sarà ancora più granulare poiché la tecnologia ci permette di raccogliere dati di localizzazione sempre più precisi. Questa è una buona notizia per i clienti, perché significherà che il premio sarà ancora più strettamente correlato ai sinistri occorsi ed al loro profilo di rischio.

Gli assicuratori dovranno fare meno affidamento sulle medie storiche dei sinistri per calcolare i premi e predisporre la copertura e saranno invece in grado di ottenere informazioni ancora più accurate sui profili di rischio dei clienti.

A sua volta, questo permetterà ai sottoscrittori di aiutare i risk manager a comunicare in modo più accurato il costo del rischio; questo dovrebbe aiutare i risk manager nelle conversazioni con la C-Suite ed i team finanziari sugli investimenti nella gestione del rischio e sul costo del trasferimento del rischio stesso.

Sono stato un sottoscrittore di coperture Property per più anni di quanti ne voglia rivelare! Ho visto il mercato attraversare vari cicli e ho sperimentato in prima persona i progressi della tecnologia che ci porteranno a sviluppare ulteriormente le nostre capacità di sottoscrizione.

Siamo all'apice di un grande cambiamento. Il ruolo dell'assicuratore si sta evolvendo - in meglio. Probabilmente assisteremo a un passaggio da una sottoscrizione statica ad una dinamica. E sono entusiasta dei progressi che ci attendono mentre entriamo in una nuova fase per il settore assicurativo.

compilare il form sottostante per mettersi in contatto con l’autore dell’articolo

Il tuo nome
Il tuo cognome
Seleziona il tuo paese
Indirizzo email
Invalid Captcha
 
Iscriviti

More Articles