Riassicurazione
Famiglia di Prodotto
Famiglia di Prodotto
Sinistri
Risk Consulting
Risorse e Strumenti
A proposito di AXA XL
A proposito di AXA XL
Comunicati Stampa
Contattaci

Come molti altri, recentemente sono stato conquistato dal pacato attivismo e dalla fiera determinazione di Greta Thunberg. In poco tempo, la sua esortazione pressante nei confronti dell'urgente necessità di azioni di ampia portata volte a limitare il riscaldamento globale è stata capace di attirare l'attenzione di tutto il mondo: dai comuni cittadini ai Capi di Stato.

Uno degli aspetti del suo attivismo e della risposta globale che ne è scaturita che più mi ha colpito, oltre che spronato, è l'ondata di energia e passione dei suoi coetanei. Oggi sentiamo la voce di molti soggetti spesso inascoltati che ci ricordano che un giorno saranno loro i depositari del nostro pianeta. E’ davvero giunto il momento di prestare tutti attenzione agli ammonimenti sull'emergenza climatica e sulle conseguenze future.

Promuovere la conoscenza degli oceani

Una delle obiezioni più frequenti rivolte a questi giovani attivisti è «ma cosa ne sanno loro? Sono soltanto ragazzi». A mio avviso questo dissenso è inappropriato. Pur ammettendo che questi ragazzi non abbiano certo le stesse competenze di scienziati ed esperti che studiano queste tematiche da 30 anni, è tuttavia inconfutabile che molti giovani di oggi sono davvero ben informati sul tema del clima. Sanno bene che i cambiamenti atmosferici incidono sulle temperature, sui livelli di acidità e sui pattern delle correnti negli oceani; a loro volta, questi fenomeni influiscono sugli ecosistemi oceanici essenziali, come le calotte polari e le barriere coralline tropicali.

Ci tengono. E chiedono a gran voce di saperne ancora di più.

E posso affermarlo perché mi occupo della partnership di AXA con Encounter Edu, un'organizzazione innovativa che “progetta e fornisce programmi STEM e di formazione globale capaci di trasformare la didattica all'interno e all'esterno della classe”. Mettendo da parte le sterili lezioni e la didattica basata sui libri di testo imposte alla mia generazione, Encounter Edu «è specializzata nella realizzazione di lezioni dal vivo su questioni globali per il lavoro in classe… concepite per coinvolgere gli studenti e ispirarli, oltre che per far maturare in loro la consapevolezza e le competenze necessarie per far fronte alle problematiche più pressanti che affliggono il pianeta».

Nel 2012, dalla collaborazione con Encounter Edu, è nato il programma oggi noto con il nome di AXA Ocean Education (programma didattico sugli oceani di AXA). I moduli didattici del programma si basano su quanto emerso dalle ricerche scientifiche oceaniche sostenute da AXA XL (e dalle aziende precedenti dalle quali è nata) sin dagli anni '90. Tali ricerche sono state avviate al fine di approfondire le nostre conoscenze su aspetti poco noti degli oceani; tuttavia, sin dagli esordi, abbiamo compreso il potenziale offerto dalla condivisione di queste esperienze e informazioni attraverso il coinvolgimento e la formazione dei giovani.

Ocean Education è un importante promotore della Ocean Risk Initiative di AXA. Uno degli obiettivi principali è promuovere la conoscenza degli oceani in tutte le fasce di età e in tutti i settori, in modo che i leader di oggi e di domani siano più propensi a integrare la sostenibilità e la «prospettiva oceanica» nelle decisioni che interessano il business e nei dibattiti sulle politiche pubbliche.

La Initiative promuove inoltre i dottorati di ricerca con il programma di borse di studio Ocean Risk Scholarship di AXA XL. Ampliando la ricerca scientifica incentrata sugli oceani e sulla relativa correlazione al rischio, il programma si prefigge di promuovere la conoscenza degli oceani nel settore assicurativo, consolidando il nesso tra la ricerca e la valutazione del rischio oceanico nel settore.

Al fine di promuovere la conoscenza degli oceani nei ragazzi e nei giovani, le lezioni di Ocean Education incentrate su scienza e geografia illustrano agli studenti di età compresa tra i 7 e i 16 anni il ruolo chiave dell'oceano nella nostra vita e le minacce cui sono soggetti. Il programma intende porre le basi fornendo conoscenze fondamentali e favorendo un collegamento intellettuale ed emotivo con gli oceani ed i loro innumerevoli ecosistemi, questioni di cui ci si augura gli studenti faranno tesoro per la propria vita e la carriera.

Alimentare interesse e curiosità

Encounter Edu è riuscita a rendere il nostro programma estremamente coinvolgente e interattivo. Grazie a lezioni, schede di attività, video, gallerie fotografiche e contenuti con realtà virtuale a 360 gradi (360VR) gli studenti possono imparare a conoscere diverse aree oceaniche, oltre alle tecnologie impiegate per svolgere le ricerche, con modalità autenticamente «vicine e personali». Grazie alla 360VR, ad esempio, gli studenti possono andare online e seguire una spedizione della fondazione Nekton in una missione esplorativa delle acque al largo di Bermuda con sommergibili, squadre di sub e diverse apparecchiature scientifiche. L'esperienza 360VR permette agli studenti di «visitare» questi ambienti diversissimi tra loro e di «vedere» i ricercatori durante le esplorazioni, il tutto con un'immediatezza e un realismo che ne catturano spontaneamente l'attenzione e ne alimentano interesse e curiosità.

Grazie al sostegno di AXA XL, Encounter Edu ha inoltre lanciato per prima l'uso di link a video dal vivo che permettono agli studenti di interagire direttamente con esploratori e scienziati. Gli eventi live del 2019:

  • Coral Live, realizzato presso la stazione di ricerca Caribbean Research and Management of Biodiversity (CARMABI), che ha illustrato agli studenti tematiche quali gli ecosistemi corallini, la barriera corallina profonda e le conseguenze del cambiamento climatico
  • Arctic Live, organizzato presso la UK Arctic Research Station a Ny-Alesund, in Norvegia (la stazione di ricerca più a nord del mondo), che è incentrato sulla ricerca che documenta le trasformazioni in corso nelle regioni polari nonché sugli studi sull'acidificazione degli oceani e sulla proliferazione delle microplastiche
  • Submarine Live, che ha accompagnato il First Descent Team di Nekton nel sommergibile durante l'esplorazione delle profondità sconosciute dell'Oceano Indiano attorno all'arcipelago delle Seychelles.

Ciascun evento è stato proposto per cinque giorni, con 20-25 broadcast con interviste agli esperti e sessioni di «domande a 360 gradi». Arricchiti dalle altre risorse, dai video e dai moduli VR360 di Ocean Education, questi eventi hanno reso possibile un approccio didattico coinvolgente e integrato che ha visto la partecipazione di oltre 48.000 studenti in 40 Paesi.

Nel 2020 Arctic Live sarà riproposto per la settima volta (4-15 maggio) ed è prevista la sesta edizione di Coral Live (9-20 novembre). Sul sito web di Encounter Edu (si veda il link di seguito) è inoltre possibile visualizzare i video degli eventi precedenti.

Una risorsa appassionante e ben organizzata

La qualità dei materiali di Encounter Edu e la professionalità del team non sono passate inosservate. Di recente, infatti, Encounter Edu è stato eletto leader nelle tecnologie didattiche in occasione dei Bett Awards 2020, aggiudicandosi un premio per il lavoro congiunto svolto per AXA Arctic e Coral Live. Bett è la principale vetrina mondiale per le soluzioni tecnologiche per la didattica; i premi assegnati durante l'evento londinese celebrano «l'ispirazione generata da innovazione e creatività nelle tecnologie destinate alla didattica».

I giudici di Bett hanno lodato Encounter Edu per il lavoro svolto nella creazione di «una risorsa aperta appassionante e ben organizzata, che permette agli studenti di esplorare il mondo restando in classe e che si concentra sui problemi che attualmente affliggono l’ambiente e le sue risorse».

In seguito al conferimento del premio il direttore di Encounter Edu, Jamie Buchanan-Dunlop, ha commentato: «Si tratta di un premio assolutamente condiviso con AXA. Negli ormai nove anni di collaborazione siamo stati capaci di ampliare i confini dell'innovazione nella tecnologia didattica avvalendoci dello streaming live durante spedizioni remote, e di ispirare gli studenti con esperienze di realtà virtuale sbalorditive».

Porre le basi per un livello superiore di comprensione e di apprezzamento di questi straordinari ambienti, in altre parole conoscere meglio gli oceani, è essenziale per favorire la volontà politica di salvaguardare gli ecosistemi a rischio e di promuovere una maggiore resilienza a livello decisionale, tanto in politica quanto nel business. Come attestato dai recenti encomi, il contributo di Encounter Edu al nostro programma Ocean Education, con i suoi moduli didattici interattivi, è estremamente efficace per insegnare agli studenti a conoscere gli oceani e le interconnessioni tra i diversi elementi dell’ecosistema. Plaudo al lavoro di Encounter Edu nel contribuire a formare i bambini sulle minacce ambientali e, quindi, a spronarli ad unirsi alle moltitudini (come quella di Greta Thunberg) che richiedono di intervenire a tutela del proprio futuro.

Alcuni dei dati principali che riguardano il programma AXA Ocean Education:

  • Nel 2019 il programma ha coinvolto 6.9 milioni di studenti in oltre 96 Paesi.
  • Nel 2019 più di 48.000 studenti di 40 Paesi hanno partecipato a uno dei broadcast delle lezioni dal vivo (AXA Arctic Live, Coral Live e Submarine Live).
  • A oggi, il programma si compone di 85 lezioni suddivise in 12 unità di lavoro, costituite da 454 lezioni, schede per gli studenti, slideshow, panoramiche sulle attività e altro ancora, che rendono AXA Ocean Education una delle più grandi collezioni al mondo di materiali didattici dedicati agli oceani.
  • In totale, le risorse didattiche di questo programma hanno registrato oltre 200.000 download.

Ulteriori informazioni sui programmi e le attività di Encounter Edu sono reperibili qui.

Informazioni sull’autore: Chip Cunliffe è Director of Sustainable Development di AXA XL. Chip ha fondato e dirige la Ocean Risk Initiative di AXA XL, che si occupa di individuare soluzioni assicurative e finanziarie innovative per le conseguenze e le implicazioni del rischio legato agli oceani. Nel 2012 ha lanciato il programma Ocean Education di AXA. La sua sede di lavoro è Londra ed è possibile contattarlo all'indirizzo chip.cunliffe@axaxl.com

  • Circa l'autore
  • Director, Sustainable Development, AXA XL
Il tuo nome
Il tuo cognome
Seleziona il tuo paese
Indirizzo email
Invalid Captcha
 
More Articles