Riassicurazione
Famiglia di Prodotto
Famiglia di Prodotto
A proposito di AXA XL

Prepararsi ai potenziali rischi ambientali acquisiti al momento della vendita

Joe Madigan

di

Head of Environmental, East Zone

In un contesto attivo per le operazioni di M&A, le organizzazioni stanno facendo il possibile per evitare l’insorgere di potenziali danni ambientali in futuro.

Nel luglio 2019, un gruppo immobiliare del New Jersey ha acquistato una proprietà a Camden, NJ. Due anni dopo, l'azienda si è trovata citata in una causa che accusava la società di non aver rimosso i rifiuti e la contaminazione sulla proprietà che si erano accumulati in loco per anni dal precedente proprietario.

In quasi tutte le trattative commerciali è presente qualche elemento di esposizione ambientale. Soprattutto con l'intensificarsi delle operazioni di fusione e acquisizione (M&A), le società potrebbero ritrovarsi ad ereditare una responsabilità con un potenziale impatto negativo.

L'attività di M&A è aumentata considerevolmente dopo la pandemia. Secondo dati recenti, finora quest'anno sono stati annunciati 35.128 accordi, un salto del 24% rispetto al 2020.

Riflessioni prima della vendita

Acquisire nuovi affari è un'impresa rischiosa. 

Le esposizioni ambientali potrebbero manifestarsi anni dopo la fusione, lasciando le aziende con una responsabilità non desiderata e che potrebbe rivelarsi costosa. 

Per esempio, nel 2016 un'azienda di biotecnologie operante in campo agricolo è stata acquisita da una delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo. Due anni dopo, una sentenza ha stabilito che una sostanza chimica contenuta in uno dei prodotti della biotech ha provocato il linfoma non-Hodgkin alla parte attrice.   La giuria ha richiesto un indennizzo di 289 milioni di dollari a favore della parte ed ha aperto le porte del contenzioso per l'azienda acquirente.

Con una due diligence completa, i problemi ambientali esistenti possono essere scoperti. Ma che dire delle esposizioni ambientali future? Per fortuna strategie di gestione del rischio più solide hanno identificato la presenza o la possibilità di esposizioni ambientali nascoste. E ci sono molti rischi da considerare. 

La contaminazione del suolo, la qualità dell'aria, la qualità dell'acqua, i contaminanti di origine alimentare, le tossine usate nella produzione e i rifiuti residui potrebbero essere presenti, e alcuni potrebbero essere trascurati o non ancora completamente sviluppati in un rischio ambientale. Un'esposizione ambientale può fare più che danneggiare l'ambiente: può avere un impatto sulle comunità, sui lavoratori, sulla reputazione e sui profitti.

L'intrusione di vapore, i contaminanti emergenti e un quadro normativo in evoluzione possono creare nuove aree di perdita. Questi sono tutti pericoli ambientali che spesso volano “sotto il radar”.

Una due diligence efficace permette di valutare le questioni ambientali esistenti. Ma che dire delle esposizioni future?

Valutare l'acquisizione

Una valutazione approfondita può aiutare a scoprire i rischi ambientali nascosti. Rivolgetevi ad un Team specializzato di esperti tra cui avvocati (specializzati sia in diritto ambientale che immobiliare), avvocati e consulenti specializzati in operazioni di M&A, esperti in campo ambientale, un assicuratore specializzato oltre al vostro Team interno. Durante il processo di due diligence, la vostra azienda dovrebbe considerare quanto segue:

  • Valutare il sito: Questo può darvi una prima idea delle problematiche ambientali in essere.
  • Esaminare la “storia” della proprietà: La proprietà ha avuto qualche sinistro che potrebbe indicare un problema ambientale, come ad esempio: intrusione d'acqua; sinistri legati a lesioni fisiche da parte di terzi; richieste di risarcimento da parte della comunità per quanto riguarda la qualità dell'aria, del suolo o dell'acqua, oppure azioni legali? L'azienda è stata citata in giudizio con successo per violazioni della salute pubblica o della contaminazione? Quanti proprietari ci sono stati e qual è la loro storia ambientale?
  • Elenco delle sostanze pericolose: Quali materiali pericolosi sono presenti nei locali? Come vengono usati e conservati? I dipendenti indossano indumenti protettivi adeguati quando maneggiano queste sostanze? Ci sono state richieste di risarcimento per l'esposizione a materiali pericolosi?
  • Contatto e dialogo con i siti vicini: Ci sono preoccupazioni in sospeso? Le aziende vicine hanno qualche problema o informazioni da condividere?
  • Esaminare la storia di conformità: Cercare i permessi e qualsiasi violazione o multa non pagata. Ottenere copie dei permessi ambientali. Ci sono state citazioni, violazioni o richieste di informazioni da parte degli enti regolatori?
  • Ottenere audit del sito: L'azienda venditrice dovrebbe avere un registro di tutti i processi di gestione ambientale e di reporting interno. Ci sono stati audit interni o esterni? Se sì, ottenere copie di tali audit.
  • Esaminare le altre sedi dell'azienda: Esaminare tutti i siti di proprietà dell’azienda. Richiedete i riepiloghi delle attività, compresi eventuali sinistri, multe, violazioni o controversie.
  • Valutare la copertura assicurativa esistente: L'azienda possiede una copertura di responsabilità civile ambientale sul sito? La polizza esistente copre i sinistri precedenti e, in caso affermativo, per quanto tempo?

Assicurare la vendita e oltre

Proteggersi dalle perdite impreviste è essenziale. La copertura di responsabilità civile ambientale può aiutare le aziende a proteggere i loro interessi finanziari ed a ridurre le preoccupazioni di acquirenti e finanziatori.  Assicura anche la vendita - i finanziatori possono far pagare di più il debito o decidere di non emettere il prestito se si sospettano responsabilità ambientali non assicurate.

La quantità di copertura di cui avrete bisogno dipenderà dai requisiti del vostro prestatore e delle parti interessate. 

Entrate in contatto con una compagnia specializzata che possa aiutarvi a determinare il livello di rischio che la vostra azienda si sta assumendo ed il modo migliore per mitigare le esposizioni. 

AXA XL è specializzata in tematiche di responsabilità ambientale e può supportarvi nell’implementare una protezione che possa ridurre le esposizioni attuali e future. Per quei rischi che non possono essere mitigati completamente, la nostra copertura ambientale per le operazioni di M&A può coprire le perdite che la vostra organizzazione non può assorbire. 

La nostra copertura include una parte di consulenza sul rischio di sottoscrizione oltre all'esperienza nella gestione dei sinistri, così come i servizi di risposta alle emergenze.

Acquisire con fiducia

L'acquisizione di un'altra organizzazione comporta delle incognite. In molti casi, le esposizioni ambientali sono presenti, e la responsabilità che la vostra organizzazione si assume potrebbe rivelarsi maggiore del previsto.

Con l'aumento dell'attività di M&A, aumentano anche le probabilità che prima o poi emergano responsabilità ambientali nascoste. Fare ciò che è possibile per evitare potenziali e costose perdite ambientali e proteggere il vostro investimento assume un'importanza ancora maggiore. Una revisione completa della proprietà che state acquisendo, compresa la storia dei reclami e delle violazioni, può aiutare a scoprire qualsiasi possibile perdita. 

Mitigare queste esposizioni in anticipo può proteggere l'investimento della vostra organizzazione. Con programmi assicurativi più disponibili e accessibili, i finanziatori ora vedono la copertura ambientale come un efficace strumento di trasferimento del rischio che è meno rischioso del semplice affidarsi alla due diligence ambientale e la richiedono più spesso come parte dei contratti di prestito.

La copertura di responsabilità civile ambientale può aiutare la vostra azienda a finalizzare la vendita soddisfacendo i requisiti del finanziatore e può essere lì per garantire la protezione da futuri imprevisti.

compilare il form sottostante per mettersi in contatto con l’autore dell’articolo

Il tuo nome
Il tuo cognome
Seleziona il tuo paese
Indirizzo email
Invalid Captcha
 
Iscriviti

More Articles