Riassicurazione
Famiglia di Prodotto
Famiglia di Prodotto
Sinistri
Risk Consulting
Risorse e Strumenti
A proposito di AXA XL
A proposito di AXA XL
Comunicati Stampa
Contattaci

I clienti del settore pubblico e privato di tutto il mondo, compresi quelli della regione Asia-Pacific, sono sempre più consapevoli dei vantaggi dell'assicurazione parametrica per la mitigazione di alcuni rischi legati ai cambiamenti climatici.

Tra questi vantaggi, in primis la sicurezza, la rapidità e l’efficienza dei costi. Sicurezza perché le coperture si attivano automaticamente quando i dati provenienti da fonti terze obiettive superano determinate soglie prestabilite. In altre parole: i clienti sanno quanto riceveranno una volta riscontrati determinati parametri. Inoltre, dato che il processo atteso di accertamento del danno è breve, la liquidazione del sinistro può avvenire nel giro di giorni o, al massimo, settimane. Tutto ciò contribuisce anche al contenimento dei costi in quanto, per la valutazione del danno, non è necesario ricorrere a gestori sinistri, avvocati e altri periti tecnici. Infine, queste polizze escludono la possibilità di frode nelle richieste di risarcimento, poiché il programma assicurativo si basa esclusivamente su fonti di dati indipendenti.

Tre elementi fondamentali

Come si ottengono questi vantaggi? L'assicurazione parametrica o indicizzata si basa su tre elementi essenziali.

Il primo è il rischio (o i rischi) da coprire. Come nel caso delle coperture perdite pecuniarie, le soluzioni parametriche sono studiate per mitigare le circostanze esterne al di fuori del controllo di un'azienda ma che hanno tuttavia ripercussioni significative sui ricavi o sui costi, come precipitazioni o vento eccessivi o insufficienti, calore o gelo prolungato o gravi eventi sismici. La pioggia, ad esempio, è auspicata dagli agricoltori. Ma piogge torrenziali, invece, possono distruggere un raccolto. Analogamente, un'impresa di servizi energetici che gestisce centrali idroelettriche potrebbe trarre beneficio da piogge intense laddove, al contrario, lunghi periodi di siccità potrebbero avere come conseguenza inadempimenti rispetto ai contratti stipulati con i comuni.

Il secondo è il threshold o l’indice (i termini sono spesso utilizzati in modo intercambiabile). Si intende il punto in cui queste circostanze esterne iniziano a causare danni in termini di perdita di profitti, aumento dei costi o entrambe le cose. Il threshold viene ricavato da modelli basati su dati storici che mostrano le conseguenze economiche che derivano da diversi tipi di eventi. Un modello sviluppato per un vigneto, ad esempio, si basa su dati provenienti da varie fonti, come stazioni di monitoraggio locali e satelliti meteorologici, che illustrano l'impatto delle forti gelate su ricavi e spese. Ad esempio, se la temperatura scende al di sotto di un certo valore per un periodo predefinito, il proprietario del vigneto otterrà un risarcimento per un importo concordato preventivamente che riflette le minori entrate (dovute alla raccolta di una minore quantità di uva o alla produzione di un vino di qualità inferiore) e/o i costi maggiori (p.e derivanti dalla gestione di costosi impianti di riscaldamento tipici della Borgogna).

L'ultimo elemento è il massimale, ovvero il risarcimento massimo che verrà riconosciuto. Qui è importante notare che, perché si possa parlare di assicurazione, il massimale deve essere inferiore o pari al danno effettivamente subito dal cliente.

Inoltre, il threshold può essere ad attivazione on/off o a più livelli. Nel primo caso, viene liquidato il massimale totale quando viene registrato un valore al di sopra o al di sotto di una soglia predefinita. In alternativa, è possibile ricorrere a una struttura a più livelli o lineare in cui l'importo di liquidazione è correlato alla gravità o all'entità di un evento; ad esempio, un ciclone di categoria 4 all'interno di un raggio predefinito determinerebbe il pagamento dell'80% del massimale, laddove un evento di categoria 5 darebbe diritto al 100%.

Infine, occorre ricordare che le polizze parametriche sono sempre personalizzate. Ciascuno degli elementi (il rischio, l’indice e il massimale) è definito dal cliente in considerazione dei suoi obiettivi strategici, della sua propensione al rischio e del suo budget. Inoltre, la polizza può coprire sedi/strutture specifiche o, come avviene di solito nel caso di programmi governativi, attività in intere regioni/distretti.

Interesse crescente in tutta la regione Asia Pacific

I governi di India e Cina sono stati tra i primi a utilizzare le coperture parametriche per proteggere il settore agricolo. L'India, ad esempio, utilizza i dati parametrici delle stazioni meteorologiche locali per assicurare 35 colture in 17 stati.

Anche le aziende della regione Asia-Pacifico stanno iniziando a riconoscere i vantaggi delle soluzioni parametriche per mitigare alcuni rischi.Ritengo che ciò sia dovuto principalmente a tre fattor:

  1. Un mercato assicurativo tradizionale in evoluzione con capacità ridotte, tariffe più alte e coperture più limitate. (La mia collega Zoe Xie, Client and Distribution Leader per l'Asia, si è occupata di questi temi a fine 2019. Il suo articolo è disponibile qui).
  2. Aumento dell'esposizione a catastrofi naturali più frequenti e gravi, in particolare a cicloni e a livelli di precipitazioni irregolari, conseguenza del riscaldamento globale.
  3. Soluzioni parametriche più valide. Oggi, abbiamo a disposizione sempre più dati e una maggiore esperienza nel modelling della correlazione tra i diversi eventi e i ricavi e/o i costi di un cliente. Inoltre, poiché (ri)assicuratori come AXA XL sottoscrivono più coperture parametriche, i clienti beneficiano della maggiore stabilità/minore volatilità associata a portafogli sempre più diversificati.

Di seguito sono riportati alcuni esempi che descrivono la rilevanza delle soluzioni parametriche in diversi settori industriali importanti in tutta la regione.

Agricultura

Il settore agricolo è un elemento vitale nell’intera regione, sia per garantire la sicurezza alimentare locale/nazionale sia come fonte di reddito. In Vietnam, ad esempio, l'agricoltura rappresenta il 15,3% del PIL del Paese. In Indonesia, il 13,9%.

Ma quello agrícolo è un settore complesso. Considerando la molteplicità dei rischi che gli agricoltori devono affrontare, esiste sempre la possibilità che i loro raccolti non siano soddisfacenti o che addirittura vadano persi del tutto. E i rischi meteorologici come siccità, precipitazioni eccessive, grandine, vento e gelo sono la principale causa.

Sebbene, come osservato, i governi di diversi Paesi abbiano approvato programmi parametrici per proteggere gli agricoltori di interi distretti, anche compagnie private stanno utilizzando questi programmi per ridurre la volatilità dovuta all'aumento di eventi climatici estremi. Ad esempio, recentemente AXA XL ha sviluppato programmi parametrici per un paio di importanti esportatori di cereali australiani, che gestiscono varie colture in tutto il Paese. Sulla base delle rese medie dei singoli raccolti in specifiche regioni, abbiamo creato modelli che mostrano, ad esempio, come livelli diversi di precipitazioni cumulative influiscano sui raccolti e causino perdite di ricavi.

Energia rinnovabile

Molti Paesi della regione Asia-Pacifico hanno progetti ambiziosi per aumentare drasticamente la produzione di energia da fonti rinnovabili come l'energia solare, eolica e idroelettrica. Non a caso quattro dei più grandi impianti fotovoltaici al mondo si trovano in Cina e due in India, mentre il Vietnam potrebbe produrre circa 10-12 gigawatt dall'eolico offshore entro il 2030. (La mia collega MeiYean Lim, Senior Underwriter, Political Risk- Credit & Bond, di recente ha scritto riguardo a come l'Asia si stia preparando a diventare leader nel settore dell'energia eolica offshore. Il suo articolo è pubblicato qui.)

Ma a volte può capitare che il sole non splenda o che il vento non soffi, oppure che i fiumi si prosciughino, come è avvenuto lo scorso anno nelle Filippine. In questo Paese, una siccità prolungata legata al fenomeno noto come "El Niño" ha comportato non solo una netta riduzione della produzione di grandi, piccole e micro centrali idroelettriche, ma anche gravi carenze d'acqua. Anche i danni alle coltivazioni di riso e mais sono stati gravi.

Turismo

In molte aree della regione, i viaggi e il turismo costituiscono una leva economica più importante dell'agricoltura. Un esempio su tutti, la Thailandia, dove questo settore rappresenta il 19,7% del PIL del Paese e il 21,4% dell'occupazione totale. Tuttavia, gli hotel, i resort e le attrazioni turistiche del Paese sono esposti a cicloni sempre più devastanti.

E in previsione dell'arrivo di un ciclone, le prenotazioni vengono immediatamente cancellate: anche se il ciclone cambia rotta e la località inizialmente interessata non viene neppure sfiorata, le prenotazioni non vengono più recuperate e le camere restano vuote. (I gestori di resort dell'Indonesia riferiscono di avere lo stesso problema.) Analogamente, in previsione dell'arrivo di cicloni, gli aeroporti devono interrompere l'operatività con evidenti conseguenze economiche, oltre agli eventuali danni fisici causati dalla tempesta. Inoltre, è opportuno ricordare che la maggior parte delle polizze assicurative tradizionali non copre eventuali perdite per interruzione dell'attività in assenza di danni.

In tutti gli esempi descritti, l'assicurazione parametrica potrebbe fornire una protezione efficace e conveniente rispetto a questa varietà di rischi. Oltre ai tre ambiti già citati – agricoltura, energia rinnovabile e turismo – le coperture parametriche sono particolarmente utili in molti altri settori, tra i quali:

  • Edilizia: per la realizzazione di progetti dove caldo, freddo o vento eccessivi potrebbero causare ritardi e/o aumento dei costi.
  • Trasporti: per le compagnie marittime che subiscono riduzioni dei ricavi a causa di innalzamenti o abbassamenti anomali dei livelli dei fiumi o per le compagnie aeree con maggiori spese di sghiacciamento.
  • Settore automobilistico: per produttori, spedizionieri e rivenditori con veicoli parcheggiati in luoghi esposti a grandine.

In definitiva, l'assicurazione parametrica rappresenta una soluzione semplice e al tempo stesso sofisticata che aiuta i clienti a mitigare i diversi rischi legati al clima. E dato che la liquidazione è certa e tempestiva, le coperture parametriche possono potenziare in modo significativo la capacità di un'azienda di reagire e di riprendersi rapidamente da un evento dannoso, ovvero di diventare più resiliente, cosa sempre più importante in tempi turbolenti come quelli attuali.

Le coperture assicurative cui tale articolo si riferisce sono prestate da XL Insurance Company SE, Rappresentanza Generale per l'Italia (XLICSE).

Stato Membro d’origine e numero di registrazione di XLICSE:
Central Bank of Ireland
New Wapping Street
North Wall Quay
Dublin 1, D01 F7X3
Tel: +353 (0)1 224 6000
www.centralbank.ie

Provvedimento di autorizzazione all’esercizio dell’attività assicurativa n. C173308 del 18.01.2019.
Ammessa ad operare in Italia in regime di stabilimento con sede in Italia in Corso Como 17, 20154 Milano.

Iscritta nell’Elenco annesso all’Albo delle Imprese tenuto da IVASS al n. I.00161.
Prima della sottoscrizione, leggere il Set Informativo ove applicabile.

XLICSE è rappresentata da XL Catlin Services SE.
Maggiori informazioni su: https://axaxl.com/it/italia

  • Circa l'autore
  • Head of AXA Climate per Asia Pacific
Il tuo nome
Il tuo cognome
Seleziona il tuo paese
Indirizzo email
Invalid Captcha
 

More Articles